Vieste: itinerario tra mare e terra - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Vieste è una località famosa per il mare, le lunghe spiagge dorate e la buona cucina. Ogni anno migliaia di visitatori la scelgono per le vacanze al mare cercando sole, mare e completo relax; a questo si aggiunge, al massimo, la passeggiata serale tra i vicoli caratteristici del centro storico, spesso per degustare un buon gelato o un cornetto caldo nelle tante pasticcerie tipiche.

Vieste, però offre tante altre meraviglie di una bellezza così unica e suggestiva che è davvero un peccato perderle. Pur essendo una piccola cittadina situata sulla punta più a est del Gargano con appena tredicimila abitanti, Vieste gode di un territorio molto vasto paragonabile a quello di una grande città. La stragrande maggioranza di questo è coperto da sola natura fatta di campagna coltivata, boschi, foreste, macchia mediterranea e paesaggi tra loro diversi e spesso contrastanti che si alternano e susseguono in un'armonia quasi surreale. Questo vasto territorio è protetto dal Parco Nazionale del Gargano.

La fascia costiera è altrettanto notevole. Si estende per circa 30 chilometri di lunghezza, tra spiagge in sabbia fine dorata, costa rocciosa, bianca falesia a strapiombo sul mare, piccole baie in ciottoli, e le suggestive Grotte Marine, grandi cavità naturali nella roccia carsica. La costa è disegnata e scolpita dagli agenti naturali come vento e mare che, come veri e propri artisti, creano un'opera d'arte spettacolare.

Per scoprire, ammirare e godere di tutto quello che Vieste ha da offrire è consigliabile seguire un itinerario che tocchi tutti i suoi paesaggi e bellezze includendo anche escursioni a Vieste guidate.

Si comincia con la visita al centro storico con le viuzze e scalinatelle intrecciate e le bianche case costruite in pieno stile mediterraneo. Qui si visita la Cattedrale dell'assunta risalente all'anno mille, il castello Svevo costruito da Federico II ed ampliato da Carlo d'Angiò, i palazzi nobiliari, le piazzette sul mare e i tanti scorci panoramici che appaiono all'improvviso.

Da qui si scende alla Marina Piccola, baia arredata da palme vigorose e da dove si ammira il faro sull'isolotto di fronte. Arrivando sul lungomare Mattei si ammira il Pizzomunno, maestoso monolite in pietra che la leggenda vuole giovane ragazzo innamorato di una donna traformata in sirena e pietrificato dal dolore di averla persa.

Per visitare la lunga costa e soprattutto la parte più spettacolare, accessibile solo dal mare, partono ogni giorno le motobarche dal porto per un tour di 3 ore con sosta bagno in una caletta in ciottoli nascosta. Il tour include la visita alle Grotte Marine, assolutamente da non perdere, con ingresso nelle stesse comodamente seduti a bordo della barca.

Goduto della costa e la volta dell'entroterra. Per scoprire le bellezze naturali, spesso inacessibili, la migliore via è l'escursione in jeep. A bordo di fuoristrada si seguono sentieri e attraversando boschi, macchia mediterranea, paesaggi collinari e montanari con gli antichi insediamenti e ruderi della vita agricolo-pastorale. Una sosta d'obbligo è in Foresta Umbra. La foresta particolare per avere una vegetazione tipica dell'Europa centro-settentrionale in pieno mediterraneo.

Da qui si torna verso il centro abitato attraversando la campagna viestana e le lunghe distese di ulivi secolari.

Tornati a Vieste possiamo rilassarci su una delle tante spiagge assolate, magari sorseggiando un buon cocktail.

Joomla SEF URLs by Artio