Per il primo centenario della Rivoluzione francese, Parigi organizzò la più grande delle Esposizioni Universali mai realizzate prima. Due i punti cardine dellìesposizione organizzata sulle Champ-de-Mars: la galerie des Machines ad un'estremità e la Tour Eiffel in asse con il ponte collegato al Trocadéro.

alt

La galleria demolita nel 1910, copriva con i suoi archi in acciaio larghi 115 m una distanza di quasi mezzo chilometro: uno spazio così grande non si era mai visto prima! Se la galerie des Machines, in quanto sala d'esposizione, era considerata funzionale, la torre sembrava al contrario priva d'utilità, una sfida tecnologica, un capriccio del suo inventore. Durante la sua costruzione venne orchestrata un'abile campagna diffamatoria, lanciata dapprima dagli abitanti del quartiere, che temettero di veder crollare la torre sulle proprie case, e poi dalla pubblicazione del manifesto degli artisti, detto Trois cents, in cui si parlò di "inutile e mostrusa torre",  di "gigantesca e oscura ciminiera d'officina".

alt

Nonostante le avversità, Gustave Eiffel costruì la sua torre in soli 25 mesi. non  solo guadagnò il favore del pubblico, ma la torre diventò il simbolo della città. Obbligata a sparire dopo 20 anni come tutto quanto costruito per l'Esposizione Universale si conquistò lentamente il diritto a restare: divenne stazione metereologica, poi stazione radio; una convenzione internazionale nel 1912 stabilì che dalla torre venisse diffusa l'ora universale e nel 1922 ebbero inizio le prime trasmissioni radiofoniche di Radio Tour Eiffeil. Alta 300,65 m e organizzata su tre livelli ( il primo a 57,33 m, il secondo a 115,73 m e il terzo a 276,13 m), la torre è oggi il monumento più visitato al mondo. Concepita per sfidare il vento, registra un'oscillazione di soli 15 cm, mentre è soggetta ad una deformazione che arriva fino a 20 cm e che varia il movimento del sole. Le parti di metallo esposte ai raggi subiscono una dilatazione superiore rispetto a quelle che restano all'ombra. Nonostante la sua mole (7000 t) il carico al suolo è di 4 kg per cm2, equivalente a quello di un uomo seduto su una sedia. 

alt

Una sapiente illuminazione notturna, la rende ancora più leggera; gli ascensori salgono tra la filigrana della struttura, lo sguardo si apre, l'orizzonte si allontana e arrivati in cima si gode un panorama straordinario.

 alt

 

 

 

contentmap_plugin
made with love from Joomla.it - No Festival
Joomla SEF URLs by Artio