Già dall'epoca di Cesare i romani iniziarono ad interessarsi dell'isola che oggi è chiamata Gran Bretagna. A quei tempi l'attuale Inghilterra era abitata da molte tribù e l'affermazione fu graduale.

harlaw_mirror.jpg

Ci furono anche delle resistenze ed una abbastanza celebre è quella della regina locale Buddica. Comunque uno sviluppo importante si ebbe sotto l'imperatore Domiziano quando nella Britannia romana era governatore Gneo Giulio Agricola.

Dato che la parte nord (Caledonia, ora Scozia) non fu mai conquistata ad un certo punto si rese necessario costruire delle fortificazioni: il Vallo di Adriano e successivamente poco a nord anche un terrapieno. 

Pertanto oggi i turisti possono ammirare un bel tratto di quanto fu costruito all'epoca dell'imperatore Adriano. Ancora diverse città inglesi sono di origine romana e quindi ogni tanto vi si possono vedere delle evidenze. Fra queste città vanno in particolare ricordate: Londra, Canterbury, Manchester, la città termale di Bath, Dover ed omettendone diverse anche York dove fra l'altro fu acclamato imperatore Costantino il Grande.

Con il progressivo allontanamento del grosso delle forze romane  rimasero sull'isola praticamente le sole popolazioni romanizzate che si difesero come possibile contro i Sassoni ed altre invasioni. E proprio a questo periodo si riferiscono molte vicende della c.d. "leggenda britannica" . Leggenda alle quali appartengono anche personaggi un pò leggendari come Re Artù (quello della tavola rotonda) e Mago Merlino. Per quanto possa sembrare strano sono ricompresi nelle antiche leggendi inglesi alcuni personaggi che in pieno periodo romano tentarono di impadronirsi dell'impero con l'appoggio delle legioni stanziate in zona. Pertanto il film "l'ultima legione" (che immagina una rocambolesca fuga nell'isola dell'ultimo imperatore romano d'occidente Romolo Augustolo) non si allontana poi tantissimo da un plausibile contesto storico

 

 

contentmap_plugin
made with love from Joomla.it - No Festival
Joomla SEF URLs by Artio